Sto guardando la Cattedrale di Notre Dame bruciare in televisione dal mio salotto a Toronto. Voglio distogliere lo sguardo, ma non posso. Ho visto la guglia crollare. Ora vedo il bagliore dall’interno della chiesa. È arancione brillante. Ora mi rendo conto che è la Settimana Santa. E penso di sentire il commentatore dire che la chiesa storica sarà sparita per sempre. E ‘ troppo terribile.

Decine di migliaia di persone in tutto il mondo stanno pensando alle proprie visite a Notre Dame. Milioni da quando è stato costruito nel 1163 è andato alle loro tombe con le loro storie di essere all’interno delle sue mura santificate.

Ho visitato molte chiese in Europa, ma forse al di fuori di San Pietro a Roma, Notre Dame ha il maggior significato.

Io e mia moglie siamo andati a Parigi nel settembre 2006 per celebrare il nostro 10 ° anniversario. Non c’era un piano profondo: mangiare buon cibo, assorbire la splendida architettura e vedere i siti. Tutti dovrebbero vedere Parigi.

Siamo stati vicino al Jardin du Luxembourg. Abbiamo potuto vedere i tetti dalla nostra stanza. La vista era da cartolina. C’era un ristorante fantastico dietro l’angolo. I giardini erano un sogno. Abbiamo comprato vino per la camera e formaggi e pane.

Abbiamo camminato per miglia e miglia. Alla fine ci siamo diretti a Notre Dame, come fanno la maggior parte dei turisti. Abbiamo scalato la stretta scala a chiocciola, tutti i 387 gradini. Ricordo di aver parlato con una donna che stava avendo un attacco di panico a metà delle scale. Ho usato per avere terribili attacchi di panico così sono stato in grado di essere rassicurante. Siamo stati premiati con una vista spettacolare in alto.

Poi siamo andati nella chiesa vera e propria.

Lasciatemi dire questo prima. A questo punto mi sono identificato con nessuna religione, anche se mi consideravo spirituale. La religione sembrava inutile. Gesù non ha mai parlato di costruire edifici giganti. Pensavo che i soldi potessero essere spesi per qualcosa di meglio. Le chiese riguardavano le regole. Per me, il peccato era soggettivo.

In una parola, ero all’oscuro.

Quando siamo entrati in chiesa, ricordo di essere rimasto colpito dal numero di persone e dal silenzio. È raro vedere grandi raduni di persone senza suono. Ho visto altri immergere le mani nell’acqua santa, e ho fatto lo stesso. Non sono sicuro del perché l’ho fatto.

Poi ho visto qualcosa che è rimasto con me in tutti questi anni. Il confessionale, come lo vedo negli occhi della mia mente, era di vetro trasparente. Sono rimasto sorpreso che ho potuto vedere in esso. C’era una bella giovane donna, perfettamente vestita, inginocchiata.

Penso che l’iperbeauty che mi ha colpito di lei abbia qualcosa a che fare con la santità. Qui c’era questa donna che confessava per chiunque di vedere. Chi lo fa?

All’inizio mi sentivo strano, ma poi era difficile non guardare. La scena davanti a me avrebbe potuto essere un dipinto.

Per molti anni ero stato attratto dalla fede. Ma vorrei continuare a parlare me stesso fuori di esso con quello che pensavo fosse la ragione. Se mi avessi detto che la fede era più alta della ragione, avrei deriso.

Una volta usciti dalla chiesa, siamo andati a prendere un gelato e poi abbiamo camminato sempre di più. Non sono ossessionato da quello che ho visto, ma si è fatto strada dentro di me.

Ho visitato un certo numero di chiese in quelle due settimane. Ma quella scena interna a Notre Dame è quello che ricordo meglio. C’era qualcosa nella crudezza, nell’onestà, di qualcuno che confessava che non avevo mai visto prima.

Sapevo che avrebbe trovato sollievo dai suoi peccati. Ma che mi dici di me? A chi ero io per portare i miei peccati? Alla logica? Per ragionare?

Quando il viaggio era finito, qualcosa si agitava in me. Sapevo per certo che avevo bisogno di essere battezzato e iniziare a vivere un’altra vita, una vita cristiana — che è quello che ho fatto, anche se ci è voluto un po ‘ di tempo.

Grazie a Dio per quel viaggio a Notre Dame.

Pregate per il popolo di Parigi e della Francia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.