Marchand rifiutò, sostenendo che il territorio era stato abbandonato dall’Egitto (gli inglesi) durante il corso della guerra mahdista. Ma Kitchener era venuto a riprenderselo. Esasperato, Kitchener disse al maggiore francese:”Non posso argomentare questi punti, ma ti suggerirei di considerare la preponderanza della forza a mia disposizione”

Che non era una minaccia oziosa. L’esercito britannico, sostenuto dalla marina sul Nilo, superò di gran lunga la piccola forza francese. Così, le due parti hanno accettato di sedersi fuori tranquillamente, e attendere la parola da Londra e Parigi su cosa fare dopo.

In Europa è scoppiata una crisi in piena regola. È diventato così brutto che la Royal Navy è stata preparata per l’azione. I francesi fecero aperture ai russi, ma non erano molto interessati. Mentre alcuni da entrambe le parti hanno chiesto la calma, le teste più calde hanno chiesto la guerra.

Ma per la Francia, il pericolo era, in realtà, molto più vicino a casa. Mentre Kitchener e Marchand si scambiavano allegramente storie di guerra su whisky e champagne, l’affare Dreyfus esplose a Parigi uno scandalo politico antisemita che fece cadere il governo. Kitchener era fin troppo felice di tenere Marchand fornito con giornali portati giù dal Cairo.

La Francia era stata scossa. Il nuovo governo francese, formato il 2 novembre, non era molto in vena di combattere una guerra, e il giorno dopo inghiottì il suo orgoglio e ordinò a Marchand di ritirarsi. Gli inglesi organizzarono un banchetto per i loro ospiti e suonarono La Marsigliese. Per i francesi, non c’era da bere la realtà che era una discesa umiliante.

Tuttavia, temendo la Germania, l’incidente di Fashoda non impedì alla Francia di firmare l’Intesa Cordiale con la Gran Bretagna pochi anni dopo, nel 1904. Il palcoscenico era ormai pronto per la prima guerra mondiale. Per quanto riguarda gli inglesi in Africa, non sono mai riusciti a costruire la loro ferrovia transcontinentale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.